Decreto Dirigenziale n. 367/2018

CAD Eurocad s.p.a.NovitàLeave a Comment

Il 9 aprile 2018, il Corpo delle Capitanerie di Porto ha emanato il Decreto Dirigenziale n. 367/2018 (G.U. della Repubblica Italiana Serie Generale 93 del 21 aprile 2018) con cui si è proceduto a:

· approvazione delle Linee Guida Applicative per la determinazione della “massa lorda verificata del contenitore” (VGM);

· abrogazione del Decreto Dirigenziale n. 447/2016.

Ricordiamo che l’emendamento alla regola VI/2 della Convenzione SOLAS 74 è entrato in vigore dal 1°luglio 2016 (v. ns circolari informative nn. 8, 11 del 2016 e n. 10 del 2017) in conformità alla

MSC.1/Circ.1475.

Con le s.c. Linee Guida Applicative, l’obiettivo è di aggiornare alcune disposizioni, di definire in modo chiaro i metodi per la determinazione e la certificazione della massa lorda verificata del contenitore, nonché di individuare gli strumenti regolamentari di pesatura e i requisiti per la certificazione dello shipper, ove richiesto.

FONTI NORMATIVE:

La normativa di riferimento è:

· Regola VI/2 della Convenzione SOLAS 74, come emendata dalla Risoluzione MSC. 380 (94)

del 20/11/2014;

· MSC.1/Circ. 1475 del 09/06/2014.

NOVITA’ DI RILIEVO:

L’impianto del testo, a differenza del precedente, si rivolge a tutti i soggetti interessati dal processo

dallo shipper, passando per il terminalista fino al vettore marittimo.

Ne consigliamo una lettura completa, ma qui di seguito illustriamo le novità di rilievo:

Art 4 del Decreto in combinato disposto con punto 4 delle Linee Guida.

I titolari di Autorizzazione AEO (Sicurezza AEOS – Semplificazioni doganali/Sicurezza AEOC), di cui al

regolamento (UE) n. 952/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 9 ottobre 2013,

che abbiano già ottenuto l’autorizzazione ad utilizzare il Metodo 2 per la pesatura dei container ai

fini della dichiarazione della VGM, in base alle precedenti disposizioni contenute nel decreto dirigenziale

n. 447/2016, potranno continuare ad utilizzare tale metodo, seppur prive della certificazione

di cui al punto 4.1 delle linee guida allegate al presente decreto, a condizione che siano in

possesso di procedure aziendali relative alla pesatura conformi al punto 4.2 delle predette linee

guida ed esclusivamente fino al 31 dicembre 2018, data entro la quale dovranno adeguarsi alle

prescrizioni di cui al citato punto 4.1.

A far data dal 1°gennaio 2019 l’autorizzazione AEO, sia essa «Sicurezza» (AEOS) che «Semplificazioni

doganali» (AEOC), sarà intesa esclusivamente quale elemento di facilitazione per l’accesso al

metodo 2.

Punto 7 Linee Guida

Altra novità di rilievo riguarda i controlli e le verifiche.

Da precedenti disposizioni la tolleranza concessa in sede di verifica tra il VGM dichiarato e quello

effettivamente rilevato da parte dell’Autorità era del +/-3%.

Il nuovo decreto applica una distinzione: per le unità con massa lorda pari o inferiore a 10t la soglia

di tolleranza è stata portata al +/-5%, mentre per le unità con massa superiore a 10t la soglia resta

ferma al +/-3%.

Art 5 del Decreto: Sanzioni

Per gli aspetti sanzionatori, rimasti invariati, si rimanda all’art 5 del Decreto, considerando che le

norme di riferimento in caso di irregolarità sono l’art 1693 c.c., in sede civile, o eventualmente l’art

483 c.p. in sede penale dei quali potrà rispondere anche lo shipper e gli art.li 1215 e 1231 C.d.n.

(Codice della Navigazione) in capo al Comandante e il terminalista, in concorso con gli altri attori

dell’operazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *