Rinnovo di Misure Restrittive

CAD Eurocad s.p.a.NovitàLeave a Comment

A partire da gennaio 2017 l’UE ha rinnovato diverse misure restrittive nei confronti di determinati Paesi:

Tunisia

È stato prorogato fino al 31 gennaio 2018 il congelamento di beni di 48 soggetti tunisini e sono state aggiunti i nominativi di altri due soggetti.

Zimbabwe

Sono rinnovate fino al 20 febbraio 2018 sanzioni verso determinati soggetti e una società. Le restanti sanzioni vengono sospese. È inoltre consentita l’esportazione di alcune sostanze esplosive destinate ESCLUSIVAMENTE ad uso civile e alla realizzazione di progetti infrastrutturali.

Bielorussia

Sono prorogate di un anno ( fino a febbraio 2018) le sanzioni, le quali includono embargo sulle armi, congelamento di fondi e restrizioni ai movimenti di determinate persone.

Ucraina

Sono stati rinnovati fino a marzo 2018 il congelamento di fondi relativi a determinate persone listate.

Bosnia-Erzegovina

Sono rinnovate le sanzioni ( fino a marzo 2018) verso quei soggetti ritenuti responsabili di inficiare la sovranità territoriale della Bosnia, la sicurezza e gli accordi di pace di Dayton/Parigi.

Libia

Rinnovate le sanzioni verso i soggetti che ostruiscono il processo di formazione di un governo nazionale libico.

Yemen

Sono stati aggiungi alcuni soggetti  alla lista di soggetti embargati.

Corea del Nord

Sono state implementate le misure contro la Corea del Nord. Le sanzioni includono blocchi alle importazioni di carburante, statue e metalli dalla Corea del Nord e il divieto di esportare nuovi elicotteri o imbarcazioni verso il paese. Sono stati aggiunti nuovi soggetti tra le persone ritenute coinvolte nei programmi nucleari

Iran

Il consiglio ha esteso fino ad aprile 2018 le misure contro l’Iran in relazione alle gravi violazioni dei diritti umani, consistenti in blocchi di viaggio e congelamento di fondi per 82 persone e il divieto di esportare nel Paese ogni genere di attrezzatura che possa essere utilizzata per la repressione e l’attrezzatura relativa alle telecomunicazioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *